Richiedi qualsiasi informazione
Contattaci

Booking.com lancia la sua chatbot per l’Esperienza di Destinazione

Anche le Chatbots stanno arrivando alla frontiera del settore dei viaggi.

Booking.com infatti, prevede di portare l’intelligenza artificiale e le interfacce di conversazione nel regno dell’ ospitalità che finora è sempre stato “pensato” per essere l’unico dominio gestito da esseri umani con conoscenze locali. L’esperienza di destinazione, dunque, ad oggi è sempre stata “gestita” e suggerita da personalità reali, persone comuni che offrono consigli online su “dove andare una volta arrivati a destinazione”.

Al MobileBeat 2016, Booking.com ha presentato quello che definisce “L’ esperienza di prenotazione“, un servizio che aiuterà le persone a decidere cosa fare una volta giunti a destinazione.

Infatti, la vera domanda che si pone sempre il viaggiatore una volta conclusa la prenotazione è “Cosa farò quando arriverò a destinazione?” hanno riscontrato gli esperti di Booking.

Il nuovo servizio dunque farà leva sulla A.I. (intelligenza artificiale) che si occuperà di presentare suggerimenti personalizzati da un elenco esaustivo di eventi e attrazioni locali, e inoltre consentire alle persone di acquistare i biglietti o effettuare prenotazioni da dentro app mobile di Booking.com.

I motori di ricerca e le A.I. ci stanno consentendo di interagire di più con l’ ambiente globale”, afferma Booking, “e possono offrire suggerimenti molto importanti per migliorare la nostra vita quotidiana.”

Esperienza di prenotazione” è stato reso disponibile nella zona di Amsterdam dal 13 luglio 2016, su entrambe le versioni di Android e iOS di app Booking.com. La versionepilota” è stata lanciata anche a Parigi, Londra, Dubai alla fine di luglio e questo autunno approderà a New York.

Come funziona dunque “Esperienza di prenotazione?”

Questo nuovo tool utilizzerà i dati di milioni di viaggi effettuati con Booking.com, combinandoli con le preferenze personali dei viaggiatori, per poi sposarlo a possibili future esperienze. Booking difatto, non è estraneo ai dati: detiene più di 974.000 hotel e alloggi, tra cui più di 474.000 immobili in affitto vacanze, coprendo oltre 93.000 destinazioni in 224 paesi, e accumulando più di 97 milioni di recensioni dei clienti.

Booking.com sta investendo sul suo tesoro di informazioni, per far sì che la sua chatbot possa imparare sempre di più dalle informazioni inserite dai clienti all’interno della piattaforma, per fornire loro infinite tipologie di esperienze e conoscenze su città sconosciute, che finora erano una sola esclusiva della gente del posto.

Per ora non ci sono notizie da Booking riguardo ad una futura uscita del tool in Italia, ma siamo curiosissimi di provarlo quanto prima!

Leave a comment:

* required